Attività

1 Analisi del settore e identificazione dei maggiori rischi di corruzione, approfondendo tre diversi aspetti: il fenomeno della corruzione negli appalti, l’efficienza economica delle aziende sanitarie ed ospedaliere, la percezione degli operatori del settore;

2 Formazione per il personale delle aziende sanitarie ed ospedaliere;

3 Elaborazione e adozione da parte delle istituzioni competenti di raccomandazioni per migliorare i livelli di trasparenza, integrità, responsabilità ed etica nel settore sanitario;

4 Sviluppo e adozione da parte delle aziende ospedaliere di linee guida per l’elaborazione dei piani anticorruzione;

5 Promozione di una campagna di sensibilizzazione sia per il personale sanitario che per i cittadini;

6 Esperimenti in 5 ASL o AO pilota, dove gli strumenti anticorruzione verranno testati e monitorati per 2 anni in collaborazione con il Responsabile per la Prevenzione della Corruzione e lo staff delle organizzazioni.

Post recenti | LEGGI TUTTI

31 luglio 2017

Sono arrivati i poster contro la corruzione in sanità

Combattere la corruzione in sanità significa anche dire a voce alta da che parte si intende stare. Tra gli strumenti che forniamo alle Aziende Sanitarie pilota, abbiamo pensato di inserire anche alcuni poster personalizzati che possano utilizzare nelle sale di attesa, nelle aree comuni o dove lo ritengano più opportuno per informare gli utenti e lo staff […]

5 giugno 2017

Festival dell’economia di Trento. Nuovi LEA, vecchi problemi

Lo scorso 2 giugno siamo stati al Festival dell’Economia di Trento, dove abbiamo presentato i dati emersi dal report Curiamo la Corruzione 2017. Con noi erano presenti Altroconsumo, Emergency e Fondazione Gimbe. Qual è la situazione del Sistema Sanitario Nazionale? “Le risorse economiche restano scarse e curarsi rischia di passare da diritto garantito a tutti […]

31 maggio 2017

DUE NUOVE AZIENDE SANITARIE SI UNISCONO AI PILOTI: RAGUSA E CATANIA

Sono sempre di più le strutture sanitarie che si impegnano a curare la corruzione. Si uniscono così agli altri piloti del progetto due aziende sanitarie siciliane: l’ASP di Ragusa e il Policlinico Vittorio Emanuele di Catania. Entrambe, infatti, hanno introdotto una procedura di whistleblowing per la segnalazione di illeciti da parte dei dipendenti, attraverso una […]