In questa pagina è possibile trovare i dati presentati nel report 2017 Curiamo la Corruzione – Percezioni, Rischi e Sprechi in Sanità.
In particolare, si potranno visionare i risultati della rilevazione della percezione di corruzione da parte del personale apicale delle strutture sanitarie condotta da Censis, i dati emersi dall’analisi del livello di rischio corruzione nei processi di acquisto delle aziende sanitarie effettuata da RiSSC e gli indicatori di spreco nei conti economici delle aziende sanitarie analizzati da ISPE-Sanità.

SCARICA IL REPORT IN PDF

percezione
PERCEZIONE


Per i dirigenti delle strutture sanitarie gli ambiti a maggior rischio di corruzione sono gli acquisti di beni e servizi(82,7%) e la realizzazione di opere (66,0%), segue- a distanza- l’assunzione di personale (31,3%)

Il 37,2% delle strutture sanitarie negli ultimi cinque anni ha fatto registrare un episodio di corruzione, che in circa un terzo dei casi non è stato affrontato in maniera appropriata.

Al primo posto, tra le misure ritenute più efficaci per contrastare la corruzione, i dirigenti segnalano la formazione e la sensibilizzazione del personale (51,8%), seguite dai maggiori controlli sulle procedure d’appalto (42,%)


ENTRA

analisi dei rischi
ANALISI DEI RISCHI


Il panorama, rispetto al 2015, è cambiato. Prima le tabelle di analisi erano molto diverse l’una dall’altra rendendone difficile la lettura e interpretazione, nonché la loro confrontabilità. Oggi le tabelle seguono uno schema di analisi più omogeneo.

Le criticità rilevate quest’anno sono altre: circa l’83 % degli enti si concentra sulla ponderazione del rischio nonostante la descrizione dello stesso arrivi soltanto al 58%.

Inoltre, il livello di analiticità dei numerosi processi che compongono le aree di rischio continua a essere basso (solo il 67% dei PTPC presenta l’analisi di più di 40 processi).
Ma un passo avanti sicuramente è stato fatto.


ENTRA

sprechi e inefficienze
SPRECHI E INEFFICIENZE


Circa 1 Miliardo di euro di potenziali risparmi nelle Asl per voci di spesa non sono collegate all’efficacia delle cure

Dal 2009 lo spreco ingiustificato è diminuito in media del 4,4% annuo ma in proporzione alla spesa complessiva è rimasto pressoché costante

Fino al 30% della spesa per Pulizia, Lavanderia e Mensa potrebbe essere reso più efficiente e permettere di liberare risorse per una più efficace assistenza sanitaria


ENTRA